Breaking News

Rivoluzione carta d’identità . Una costosa novità per gli italiani. Ecco cosa cambia e da quando

Il Viminale ha emanato le linee guida per il lancio a partire da luglio della nuova Carta d’identità in circa 200 comuni fra cui Roma e Milanocarta d'identità

Il primo passo verso la digitalizzazione dei documenti italiani sarà fatto proprio nel corrente mese  quando la carta d’identità, entrerà – finalmente – nei nostri portafogli.

Che cos’è la Cie? E’ la nuova carta d’identità elettronica, la tessera che piano piano sostituirà quella cartacea, spesso riparata con nastro adesivo e plastificazioni salva-strappo.
La Cie arriva dopo un passato travagliato, fatto di sperimentazioni fallimentari, ma finalmente si impone nella società italiana come uno dei primi documenti di riconoscimento elettronico dopo la patente. Il suo debutto è previsto proprio nel corrente mese prima in alcuni capoluoghi di regione – quelli più grandi – successivamente anche nei centri di grosse dimensioni per raggiungere i 200 comuni entro settembre. A stabilirlo è stata una circolare emanata dal ministero dell’Interno per dare attuazione al decreto approvato nel dicembre scorso.

indossare bene

Cosa cambia con la nuova carta d’identità elettronica
La Cie è, a tutti gli effetti, una smart card e introduce non poche novità. La carta d’identità elettronica sarà, infatti, rappresentata da supporto fisico realizzato con le tecniche tipiche della produzione di carte valori, su cui troverà posto un microprocessore per la memorizzazione delle informazioni necessarie per la verifica dell’identità del titolare, inclusi gli elementi biometrici, un Pin che permetterà l’autenticazione in rete e il relativo accesso ai servizi online dedicati. La carta d’identità digitale sarà fornita anche di impronte digitali, del codice fiscale e della possibilità per i maggiorenni di indicare la volontà o meno di donare gli organi in caso di morte.
Seguici sulla nostra pagina Facebook

Il costo complessivo del documento è stato fissato da un recente decreto del ministero dell’Economia e della Finanza. Per avere la Cie i cittadini dovranno pagare 13,76 euro per la procedura più l’l’Iva e i diritti fissi e di segreteria per un totale di circa 22 euro, non poco considerando anche i costi di sostituzione e le problematiche annesse.

Appare quindi prematuro esultare: non solo i 18 lunghi anni di sperimentazione sul tema delle carte d’identità digitali impongono una doverosa cautela ma anche i continui annunci e gli immancabili ritardi che hanno caratterizzato fin d’ora il cammino della nuova Cie non possono che lasciare ancora qualche perplessità.

Si tratta comunque solo di un piccolo passo in quell’ineludibile ed irrimandabile processo di digitalizzazione della lenta e farraginosa burocrazia italiana.

ALTRE NOTIZIE UTILI

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
loading...

Author: notiziautile

Share This Post On

DISCLAIMER
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email all'indirizzo jedasupport@libero.it,oppure direttamente dal nostro modulo di contatto diretto QUI . Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. IMPORTANTE L’utilizzo del sito e la lettura degli articoli riguardo la salute in esso contenuti non si sostituisce in alcun modo al rapporto tra paziente e medico. Quanto contenuto nel presente sito ha una funzione divulgativa e non intende rappresentare una guida per automedicazione, diagnosi o cura. I suggerimenti e i consigli generali mirano esclusivamente a favorire nuove e migliori abitudini alimentari. ed uno stile di vita salutare. Le patologie e alcuni stati fisiologici richiedono l’intervento diretto di un professionista, e la collaborazione del medico curante. E’ sempre opportuno il parere del medico prima di intraprendere cambiamenti sostanziali nelle abitudini quotidiane